Web Site Under Construction

Perchè donare sangue?

 

Perché il sangue manca:

  1. In Italia si ha l’autosufficienza nelle regioni del nord, ma una carenza anche grave nel sud, con una insufficienza generalizzata a livello nazionale di plasma.
  2. In Lombardia si raggiunge l’autosufficienza ma c’è una notevole disparità tra le province.
  3. In Provincia di Pavia siamo ben lontani dall’autosufficienza: le nostre donazioni, seppur molto numerose ed in continuo aumento, coprono meno della metà del fabbisogno di sangue e costringono ogni anno a reperire unità ematiche da altre province.

Perché il sangue è insostituibile:

  1. Nonostante i progressi della scienza, il sangue non si può fabbricare in laboratorio ed è spesso un insostituibile mezzo terapeutico.
  2. L’unica fonte per poterlo avere a disposizione è la donazione.
  3. Se nessuno lo dona, nessuno lo avrà a disposizione.
  4. E se molti pensano “tanto ci sono gli altri che lo donano, in fondo a me non interessa”, saranno sempre in molti a vivere momenti di emergenza e di ansia.
  5. Il sangue va considerato come un bene comune: qualcosa di cui tutti dobbiamo poter usufruire quando ci occorre, ma anche qualcosa che tutti dobbiamo mettere a disposizione della comunità.

Perché fa bene al ricevente ed al donatore

  1. Incidenti stradali, interventi chirurgici, emorragie, patologie croniche, chemioterapia, trapianti: in tutti questi casi il sangue è da considerarsi un vero farmaco salvavita. L’utilizzo di sacche di sangue fresco (globuli rossi, piastrine) o plasma in regime di chirurgia può variare, a seconda, delle situazioni da un paio di unità, fino alle 10 e anche 20 nel caso di interventi complessi come i trapianti o la protesi d’anca. Si è calcolato che nel mondo, approssimativamente, ogni 2 secondi qualcuno ha bisogno di sangue.
  2. Donare sangue, e non è un modo di dire, comporta vantaggi non da poco per la salute del donatore, infatti:
    • Dà un benessere psicologico che deriva dalla consapevolezza di dare al prossimo qualcosa di prezioso e insostituibile; inoltre la scelta di solidarietà arricchisce di motivazioni la nostra vita.
    • E’ un investimento in salute. Il donatore, per disposizione di legge, è periodicamente controllato con analisi e visite mediche, ed educato alla prevenzione delle malattie.
    • Comporta un beneficio diretto nella diminuzione delle malattie cardiovascolari che, non dimentichiamo, sono la principale causa di morte. Numerose ricerche hanno evidenziato come il numero di episodi (infarto, ictus, angina, ecc.) si riducono in chi dona periodicamente il sangue, fino a 17 volte rispetto alla media.
    • Questi importanti benefici per la propria salute sono maggiormente garantiti con la regolarità delle donazioni.
 
AVIS - Stradella
AVIS Comunale di Stradella
Sezione Danilo Cagnoni
Via Marconi 17 - 27049 Stradella (Pv)
Tel. 0385 246314 e-mail: avis-stradella@libero.it
Codice Fiscale n. 93001730188
ONLUS – Iscritta al Registro Regionale del Volontariato con D.P.G.R. n. 54178 del 03-03-1994 Ente giuridico con DPR n. 49 del 20 febbraio 1950
AVIS - Stradella