Alcuni consigli per la donazione

I rischi connessi alla donazione sono pochi e di piccola entità: i più frequenti sono la comparsa di ematoma nel punto di prelievo e svenimento, legato in genere più all’emotività che non al volume di sangue prelevato. Solo molto raramente si verificano effetti collaterali più gravi che richiedono un trattamento terapeutico specifico. Per ridurre al minimo tali rischi, si consiglia:

Il giorno precedente la donazione

  1. Digiuno da almeno 8 h (e non più di 15 h) da cibi solidi
  2. Evitare sforzi fisici maggiori del solito (ad esempio allenamenti intensi), pasti e libagioni abbondanti (limitando vino ed alcolici), fattori che potrebbero far aumentare le transaminasi (funzionalità del fegato/muscolo) e di conseguenza far scartare la sacca
  3. Bere liquidi senza restrizione (acqua, tè e caffè non zuccherati sono sempre permessi; l’aggiunta di zucchero, bibite e succhi di frutta sono consentiti quando non sono in programma gli esami di controllo periodici abbinati alla donazione)
  4. Non assumere farmaci di alcun tipo nelle 24 h precedenti (5 giorni se si tratta di FANS)
  5. Consultare l’elenco dei principali motivi di esclusione temporanea alle donazioni (se lo si è smarrito, copie sono a disposizione presso l’Unità di Raccolta Sangue).

Il giorno della donazione

  1. Fare una leggera colazione a base di tè e un paio di fette biscottate o di biscotti secchi
  2. Ricordarsi di indossare indumenti comodi, con maniche ampie e prive di elastici
  3. Bere abbondantemente nelle 12 h successive evitando gli alcoolici
  4. Non svolgere attività lavorativa o sportiva pesante (specie d’estate sotto il sole)
  5. Non praticare lavori o hobbies pericolosi per sé e per gli altri (guida di veicoli pesanti e/o adibiti al trasporto pubblico o di velivoli, lavori su impalcature o gru, sport come alpinismo, paracadutismo, sub ecc.) nelle 24 h successive
  6. Segnalare tempestivamente febbre o altri sintomi riferibili a malattie infettive insorti entro le 24 h dalla donazione, contattando l’Unità di Raccolta nei giorni in calendario, oppure il Centro Trasfusionale di Voghera al n° 0383 695048.

Validi sempre

  1. Dieta equilibrata “onnivora” comprendente carne e/o pollame tutti i giorni egualmente ripartiti, pesce più volte la settimana, verdura ad ogni pasto (di ogni tipo, senza trascurare legumi e spinaci, ricchi di ferro), frutta in abbondanza (ideale 4 o 5 volte al giorno, variandola e preferendo quella stagionale, più ricca di vitamine e antiossidanti)
  2. Per i non astemi vino rosso ai pasti (al massimo 1 bicchiere per la donna e 2 per l’uomo), bevanda ricca di ferro, di antociani e di resveratrolo dalle proprietà anti aterosclerotiche e anti tumorali (attenzione al contenuto alcoolico e alle calorie)
  3. Attività fisica costante:
    – quotidiana se poco intensa (ad esempio ½ h di camminata veloce) 
    – 2-3 volte la settimana, se più dispendiosa (ciclismo, nuoto, palestra, ecc.)
  4. Astensione dal fumo, almeno la mattina della donazione: il fumo oltre a nuocere gravemente alla salute del donatore, riduce la qualità del sangue donato. Nei donatori che siano forti fumatori ciò potrebbe pregiudicare l’idoneità alla donazione.

Chi è donatore accetta di condividere la propria salute con coloro che riceveranno il proprio sangue e pertanto ha delle responsabilità nella sua salvaguardia: osservare i consigli contenuti in questo fascicolo e quelli più specifici dei medici è un modo per assolvere questo impegno.

ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI SANGUE - AVIS COMUNALE STRADELLA- Via Trento, 59 - 27049 Stradella - tel: 0385 246314 - cel: 333-8150128
e-mail: avis-stradella@libero.it - pec: avis-stradella@pec.it - C.F. 93001730188
Privacy • Termini e condizioni